Molto rumore per nulla
riti, miti.. liturgie di abbordaggio metropolitano

sesso senza amore: pari opportunità (o sdegno senza ritegno?)

Di Chica Mala

L’estate scorsa, una calda domenica in piscina, il mio vicino di sdraio tra un cruciverba e l’altro mi dice: “sai, io quelle della tua età non le prendo in cosiderazione perche siete difficili da gestire, voi cercate sempre la storia seria” e aggiunge: “meglio le ventenni, creano meno problemi e non hanno grosse pretese, prendono quello che hai da dare”

L’uomo in questione (non me ne voglia se non riporto alla lettera le sue parole, è passato troppo tempo, comunque il succo era quello), su per giù mio coetaneo, aveva le idee molto chiare.

Però le idee le abbiamo chiare anche noi trentacinquenni, non credo proprio si tratti della solita “sindrome da abito bianco”, almeno non per tutte; il fatto è che con l’esperienza, l’età, lo status quo, il poco tempo a disposizione da dividere con hobbies, amici, famiglia, casa e lavoro, l’indipendenza e perchè no anche l’intraprendenza aquisite, non ci va di perdere tempo con uomini “piccoli”, avari nel cuore e frivoli nell’anima.

Il campo, per ovvi motivi si restringe di parecchio e quando incappiamo in qualcuno che tutto sommato incarna quello che più o meno identifichiamo come il maschio papabile, catalizziamo le nostre attenzioni in quel senso. Ora, è chiaro per me, come per tutte le donne dotate di senno, che se “non è cosa” o semplicemente colui che individuiamo come possibile boyfriend non nutre gli stessi interessi, siamo perfettamente in grado di togliere il disturbo- TANTI SALUTI E GRAZIE.

Una cosa però mi fa pensare ad una sorta di disparità tra i sessi in relazione proprio a questo argomento. Gli uomini single di una certa età rifuggono come la peste il legame serio, viene loro l’orticaria solo al pensiero che tu possa diventare qualcosa di più che una semplice compagna di letto, vengono colti da attacchi acuti di diverticolite se solo provi a fare gli occhi da “gatto di schreck”, figuriamoci poi se azzardi una frase tipo “mi sento così bene quando stiamo insieme”, si rischia dissenteria e disidratazione totale!

Ma, proviamo a ribaltare le cose, poniamo che sia la donna a rifuggire il legame, magari con lo stesso tipo di uomo che si dichiara assolutamente inconquistabile, una inespugnabile Rocca di Gibilterra, mettiamo pure il caso che questa donna lo dichiari apertamente, a parole o con l’attegiamento – allora ci troveremo davanti un uomo indignato, scandalizzato e contrariato.

PERCHE’? Io mi domando.

E’ possibile, talvolta essere vittime delle stesse pulsioni: esiste chi ha una connessione neurale diretta ed esclusiva gonadico-cerebrale e chi  questo collegamento ce l’ha encefalo-uterino, cosa c’è di male aggiungerei? specialmente tra adulti consenzienti.

Mi fa ridere chi, magari  reduce da relazioni fallimentari, tradimenti o inganni perpetrati a danno di persona innamorata e innocente, colui che non ha subito ma ha fatto tanto patire, si permette di giudicare e additare qualcuno che probabilmente fa le stesse che fa lui; lo sdegno è maschio? il peccato è femmina? ma va la!!!!

Perchè (e qui siamo alla solita formula trita e ritrita), il portatore sano di testicoli e da definirsi un sofisticato tombeur de femmes e la padrona di casa delle tube di falloppio invece una volgarissima mangeuse d’hommes ?

………SIX MONTHS LATER: il vicino di sdraio enigmista si è fidanzato. Con una splendida trentacinquenne (o giù di li), bella, simpatica, dolce e generosa. Lui è innamoratissimo  (non me lo ha detto, ma si vede lontano un miglio).

Annunci

11 Risposte to “sesso senza amore: pari opportunità (o sdegno senza ritegno?)”

  1. E’ vero che le donne si sono emancipate solo di recente e quindi, nei luoghi comuni rimane l’idea che la donna che non cerca il matrimonio sia additata con aggettivi negativi dal poco seria ad apprezzamenti anche pesanti.
    Viceversa – sempre nel luogo comune – l’uomo che rifugge il matrimonio e che saltella da un angolo all’altro per “spargere il proprio seme ai quattro venti” viene visto come simbolo di vitalita’ ecc. ecc. SEMPRE PERO’ con l’idea che prima o poi METTERA’ LA TESTA A POSTO e trovera’ una compagna con cui accasarsi perche’ la “retta via” e’ il matrimonio blabla figli blabla ecc. ecc.

    Riguardo al vicino di sdraio da cui parte il tutto ti ha raccontato una bella palla: il vero motivo per cui noi trentenni e piu’ si va con la ventenne e’ che la ventenne subisce il fascino e il mito dell’uomo maturo, differente dai ragazzetti stupidi della mia eta’ sempre dietro alla pleistescion (hahaha povera illusa) e pende dalle tue labbra e da quello che le dici.

    Cosa che una trentenne+ sicuramente smaliziata e ormai – si spera – uscita dal tunnel “romanzo harmony lui mi prendera’ sul suo destriero e mi portera’ all’alcova per farmi sentire una vera donna per giorni e giorni – aaaaah sospiro- ” , sicuramente ti manda a “spendere da qualche altra parte” in un nanosecondo.

    Insomma andare con la ventenne e’ come sparare alla croce rossa: troppo facile direte, si ma son sempre 50 punti .

  2. Facendo parte del così detto sesso Forte (ma se siamo così forti perchè cediamo sempre alle tentazioni??? mahhh) mi permetto di dire la mia…
    partendo dal presupposto che l’interrelazione gonadico-cerebrale è molto simile a quella encefalo-uterino, penso che l’unica vera differenza sia nel fatto che le donne crescono e maturano, gli uomini rimangono degli inguaribili peter pan! Avete mai sentito di pillole blu per far eccitare clitoridi!? un motivo ci sarà pure… e non solo perchè i clitoridi non si rizzano… ma per la semplice ragione che l’uomo, molto più della donna ha paura di invecchiare e il concetto stesso di relazione fa parte di quella cosa “triste e scontata” che è la vita… se solo noi ometti ci mettessimo a riflettere sul fatto che la vita non è per niente triste o scontata ci renderemo conto che le relazioni con coetanee (o coetanei) ci danno tecnicamente molti più spunti di riflessioni e molti più momenti di ragionamento…
    senza poi considerare che è vero che la ragazzia di 20 anni appartiene a quella che io definisco il willy wonka sessuale, ovvero il succhia succhia che mai si consuma… ma è anche vero… che spesso più di quello non può fare…
    notate che ho usato il femminile… di cui detto tra noi poco conosco… ma il tutto è assolutamente valido su ambodue i sessi.

  3. detto papale papale, la ventenne te la scopi, la trentenne la consideri PURE come papabile donna per la vita

    tutto dipende da cosa si vuole nella vita

    poi ci sono trentenni che magari vogliono solo scopare, ma ne conosco poche che poi non si innamorino pure

    io pure dopo una relazione di 5 anni volevo solo scopare per un po’ (detto ancora papale papale) ma mi son ritrovato in una nuova relazione stabile (ovvio non con gli stessi presupposti di quella finita, ma pur sempre monogama)

  4. Pensa che io, secondo una certa corrente di pensiero, rientrerei in una categoria molto appetibile: quarantenne (quindi matura), separata (quindi disillusa). Ma appetibile per chi? 😀

  5. sex: …benvenuto…. 😀

    ……..come dire che una trentenne, sapendo il fatto suo e sapendo quindi affrontare la vita molto di + di una ventenne, mette paura perchè l’ uomo si ritroverebbe a “combattere” ad armi pari?
    Permettemi un’ osservazione, soprattutto ai maschietti che hanno commentato: mi è piaciuta l’ analisi che avete della questione. Perchè contemporaneamente l’ avete confutata. L’ obiettività è sempre da apprezzare, soprattutto quando proviene da un uomo rispetto all’ ambito maschile stesso.

    o come dice sex:
    “…il tutto è assolutamente valido su ambodue i sessi”

    alianorah: si è sempre appetibili….ricordatelo….. 😀

  6. d’accordo con pytta, Alianorah..a ognuno il suo pubblico 😉
    ottime le analisi di tutti. Mi fa piacere questo scambio, molto

  7. E’ un mio pensiero (e per un certo verso, un timore) mio.
    Più la donna avanza con gli anni, meno diventa per lei possibile trovare il partner che scelga di trascorrere il resto della vita assieme a lei (o almeno provarci).
    Per contro, aumenta la possibilità di trovare un maschietto disposto al mordi e fuggi.

    Va da se che non si tratta di una regola assoluta, ma abbastanza ricorrente nella realtà.

  8. Caro Cristian…per esperienza personale mi trovo “purtroppo” del tutto d’accordo con te. Quarant’anni appena compiuti, single…di maschietti (diciamo così…) mordi e fuggi ne trovi solo che ti guardi intorno ma per il resto…tira un’aria deprimente!

  9. d’accordissimo con cristian e ciuiga, che saluto e accolgo con un benvenuta. il punto però era un altro, o meglio, se dimostri apertamente di volere solo sesso e niente più ti trovi davanti un uomo che, con tutta probabilità vuole la stessa cosa ma fa la faccia indignata…ipocriti!!!

  10. Chica come a ribadire l’idea che l’uomo sporcaccione è un grande, mentre la donna sporcacciona è una tr…

    Personalmente considero l’uomo farfallone solamente uno sfigato. Spesso provo pena…

    Ciuiga… parliamone 😉

  11. si cristian, anche io l’uomo così lo trovo un sfigato, sostanzialmente una persona sola per la quale provare anche un poco di compassione (ma quanto sono buooona oggi)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: