Molto rumore per nulla
riti, miti.. liturgie di abbordaggio metropolitano

La lettera scarlatta

Di Trippi

Ho realizzato nelle ultime settimane di rientro nelle piste che da quando mi sono fidanzata sono diventata l’equivalente di un’appestata o di un’untore di manzoniana memoria o una donna persa al contrario, come se mi avessero appiccicato addosso una lettera scarlatta con la F maiuscola!

Capisco che da single potessi godere del rinforzo, alle mie personalissime doti, della qualifica di Terreno di caccia libera! Capisco che magari qualcuno si può sentire inibito dagli occhi azzurri del Signore delle Tempeste che saettano in giro supervisionando scivolamenti di mani, ma nella maggior parte dei casi lui è impegnato in pista a ballare!

Tesorini vi prego, per invitarmi a ballare non aspettate che esca da sola con le amiche in locali che di solito non frequento, lasciando cadere la frase “come mai da sola?”. Non aspettate, per piacere, che sempre il solito Signore delle Tempeste si allontani per un bisognino o per fumare la sigaretta e allora arrivate in branco e fate pure gli offesi quando accetto un invito a caso! Non sono mica un salumiere che distribuisce i numerini!!

Sono certa che la lettera scarlatta riguarda un pò tutte le ragazze “accoppiate” non importa che poi lo si sia realmente con la persona che ci sta affianco, basta che i salseri abbiano quast’impressione!

Mi è stato confermato in meno di 24 ore da Lupetta e Chica Mala.

Lupetta sabato è andata alla Jiribilla con il suo fidanzato…

Piccola digressione: no non è uno nuovo, è lo stesso, no non è cambiato, si è emh adeguata lei, e ora vivono insieme (sono arrivati al 3° tentativo e alla convivenza, sarà la volta buona)

… fattostà che Lupetta, che pure è un gran bel pezzo di ragazza, ha fatto una gran bella tapezzeria ai pilastri del locale! il suo pelato poi neanche fuma! Perciò per farsi una salsa ha dovuto aspettare che lui andasse in bagno e qualche marpione, notata l’assenza si avvicinasse furtivamente!

Stesso locale, stessa scena nei venerdì precedenti, quando Chica si è presentata a bordo pista con il compagno di merende, ma non di letto MOST. Non importa che la relazione ci sia, l’essenziale è che venga colta come reale da chi ti osserva a bordo pista! Questo week end Most ha tardato più del solito e chica è stata trascinata in un vortice salsero che l’ha lasciata felice ed estenuata come ogni brava ballerina che si rispetti!

Cari ometti vi faccio una richiesta ufficiale e la sigillo con il tacco delle mie scarpe da ballo. Vi prego invitate anche noi fidanzate, non aspettate che cominciamo a muoverci da sole fissandovi negli occhi in modo supplichevole. Vi assicuriamo che i nostri uomini non vi si avventeranno addosso strappandovi un braccio o gli occhi, ma anzi approfitteranno della nostra distrazione per invitare un’altra!

Annunci

28 Risposte to “La lettera scarlatta”

  1. Però prima le single eh? 😉

  2. sono perfettamente d’accordo conte alianorah!
    devo aggiungere que quello che vale per me vale per il mio amico MOST, infatti venerdì, che era a bordo pista se nza me e le altre amiche che di solito lo circondano, è stato invitato da due delle tipe che ha da un pò in black list. Forse non lo hanno mai considerato papabile (per il ballo, ma può anche darsi per altro visto che è un bel fanciullo) perche è sempre attorniato da noi amiche 🙂

  3. e adesso lo so che mi tireró addosso le vostre ire, ma alla mia ex (che pure era insegnate di salsa e faceva qualche spettacolino prima di conoscermi) io chiesi di smettere di ballare perché SI, mi dava fastidio vederla strusciarsi con marpioni vari e cmq con qualcun altro che non ero io: io quando sono fidanzato non vado al mac donald manco a leggere il menu, quindi non vedo perché la mai donna debba ballare con qualcuno che non sono io…

    scusate ma é una questione di appartenenza…

    e prima che mi diciate qualunque cosa, vi faccio una domanda: prendete la stessa situazione ma non su una pista di salsa ma su una pista da discoteca con musica anni ’80, perché anche il questo caso non vi volete fare invitare ma anzi persino se siete single cacciate via qualunque uomo che vi si avvicina a meno di 1m di distanza?

    e prima che diciate ancora qualcos’altro, visto che do ut des, dico anche che io ho rinunciato in 5 anni al 70% delle mie immersioni visto che lei non fa sub

    un bacio e no, non ho commentato al posto di sotto solo soletto, visto come mi avete trattato quando ho cercato di essere gentile con il primo… 😉

  4. che tristezza…amore non vuol dire rinunciare. Una persona non ti appartiene, non è un ogetto. chi rinuncia a qualcosa che ama perche glielo hai chiesto tu, lo fa per non perderti; ma così hai reso infelice chi dici di amare, solo per il tuo senso di appartenenza. questo è egoismo

  5. Per Gandald: io concordo con Chicamala. Una rinuncia per amore è giusta – e diventa un dono – solo se è volontaria e non frutto di una richiesta, anche se velata.

    Quanto al tema principale: anche se non mi è mai capitato, io non mi farei timore di essere io a fare il primo passo. In un mondo che tende alla parità…

  6. vi rigiro il problema: la mia donna non deve neanche desiderare di ballare con qualcun altro che non sia io, se lo fa o lo vuole fare, smette di essere la mia donna, a lei decidere cosa sia piu’ importante…

    In un mondo che tende alla parita’….. Mah!!! Evviva Vecchioni che voleva una donna con la gonna!!!!!!!!!! Parita’ non vuol dire rinunciare ai propri ruoli ancestrali… (e qui mi attirero’ altre critiche, gia’ lo so…)

  7. Io ho una relazione di sottomissione, ma ti dico come vivrei la situazione: sicuramente farei la scelta per me più importante, ma mi rimarrebbe un po’ di amaro in bocca. E per esperienza, tutto ciò che è stato ‘ingoiato’ prima o poi ritorna a galla…

    Per la gonna… Io i pantaloni li metto molto raramente. Sicuramente donne e uomini sono diversi in mille aspetti. Ma non credo che questo possa o debba crearmi problemi se volessi ballare con un uomo. Cosa che poi non faccio perchè sono sposata, monogama e fedelissima.

    😉

  8. “Cosa che poi non faccio perchè sono sposata, monogama e fedelissima. ;)” ecco a dove volevo arrivare… 🙂

  9. Scusate se intervengo ma non mi trovo assolutamente d’accordo con quello che scrive gandalf.

    Mia moglie se desidera ballare con qualcuno lo può fare, se vuole uscire con le amiche lo può fare.
    Se alche piccola rinuncia c’è stata non è scaturita da nessuna richiesta ma nata per avere più tempo per stare l’uno con l’altro.

    Io mia moglie la amo per quello che è non per quello che faceva o fa.

    Il ballare o qualsiasi altra attività non devono essere sinonimi dell’amore, io mi preoccuperei soltanto se “desiderasse di” amare un altro.

    Scusate l’intrusione

  10. concordo con alianorah .. insomma prima le single! 😀
    ovviamente, in questi casi gli uomini votano per il facile e non vogliono problemi (come sembra succedere spesso, ahimè) per aver abbordato una donna accompagnata. quindi mi sa che oltre a questo invito formale dobbiate continuare a mandare sguardi supplicevoli. 🙂

    per quanto riguarda il discorso “ballo-relazioni”. Ballare non vuol dire tradire! Sono gelosa (e l’ho detto più volte), mi infastidisce che il mio uomo balli (ci sono atteggiamenti ed atteggiamenti) con un’altra donna, ma non lo disconoscerei per così poco. Non c’è nulla di male.
    @gandalf: in uno dei tuoi post, hai criticato la richiesta di un taglio di pizzetto. però poi chiedi un cambio di vita alla tua partner? perchè, quasi sempre, se dici ad una ballerina che non può ballare più, come minimo le viene il magone interno!

  11. nico: benvenuto…….e passa quando vuoi 😀

  12. per quanto possa essere molto più d’ accordo con castavita che con gandalf, un’ osservazione è d’ obbligo:
    essere sposati, la monogamia e la fedeltà, non sono principi o convinzioni che vengono traditi e infangati se si balla con qualcun altro che nn sia il proprio compagno!
    come ha già detto qualcun altro, l’ amore non è fatto di rinunce……non si rinuncia a parte della propria vita per appagare il senso di appartenenza altrui.

  13. che bello, mi fa piacere che in questo momento, in cui io e le altre “tenutarie” del blog, pe causa di forza maggiore non possiamo essere presenti come vorremmo ci sia qualcuno che amimi i post. detto questo, siamo sempre al solito discorso. questioni di scelte. Due persone si scelgono anche in queste cose, se vogliono andare bene insieme. comunqu:Non puoi vietare a un uccello di volare, ne morirà……

  14. Non parliamo di uccelli morti sister,la cosa mi fa un certo effetto…
    Comunque caro Gandalf questi sono i piccoli errori che si commettono quando si ama;ma c***o,ti sei preso un’insegnante/animatrice e poi gli vieti di ballare con gli altri?

    Poco logico,ma in fondo quando sei innamorato va così…..

    Saluti bella gente.

  15. Gandalf: si, ma per scelta 😉

    Pytta: perfettamente d’accordo. Per le rinuce (e parlo anche per mio marito): il nostro concetto di vita matrimoniale è l’avere messo spontaneamente da parte entrambi un po’ della nostra individualità per costruire una casa a ‘due’. Al punto che spesso i nostri amici ci prendono in giro perchè facciamo tutto assieme. Riconosco che forse può essere esagerato. Ma credo che, sostanzialmente, siano scelte che ognuno di noi compie, cosciamente o incosciamente e giorno per giorno, in base all’importanza che attribuiamo alle varie componenti della vita.
    L’importante è che siano basate sulla libertà.

  16. castavita: ….ecco…..scegliere in libertà, non perchè uno ti dice “se nn fai così non sarai più la mia donna”

  17. pytta non ho mai detto questo… ho detto che io non volevo che ballasse con altri uomini e se voleva lasciarmi invece di fare questa rinuncia allora era una sua scelta, io non ho detto che l’avrei lasciata se ballava con altri, certo é che mi sarei incazzato o almeno rimasto molto male…

    castavita, io e la mai ex eravamo esattamente nella stessa condizione tua, uguale uguale: ed infatti le rinunce (lei al ballo io al sub) le abbiamo fatte volontariamente sapendo che all’altro dava fastidio

    se poi ci aggiungi che la mia ex prima di stare con me stava proprio col suo compagno di ballo di cui si era innamorata proprio ballando, secondo te io la lasciavo ballare la salsa e la baciata con altri?

    ma poi non capisco proprio il principio: ma perché la mia compagna dovrebbe VOLER ballare con un altro?

  18. GANDALF DOCET :la mia donna non deve neanche desiderare di ballare con qualcun altro che non sia io, se lo fa o lo vuole fare, smette di essere la mia donna

    …ma….senza stare a polemizzare troppo (ho sonno, scusa e sto per andare a letto) …io e te ci scontriamo sempre sui “principi”.

    Il VOLERE del quale parli tu è da considerare in senso metaforico, non è volere come desiderio amoroso .
    Il ballo è solo un esempio, il pretesto in sostanza del post.
    Qui siamo in piena esondazione di quel fiume chiamato gelosia…….visto che hai parlato di appartenenza!
    All’ interno di una coppia ci sono spazi che vanno gestiti singolarmente per il mantenimento del proprio essere. Limitare, o meglio quasi azzerare, i proprio interessi solo perchè l’ altro non li condivide significa dare minori possibilità alla coppia stessa di solidificarsi. Perchè si finirebbe col vivere l’ uno per l’ altra ma in un circolo vizioso senza possibilità di incontrare varianti. Quindi lentamente si andrebbe incontro alla noia e il sentimento scemerebbe.

  19. ummadre, vediamo se mi spiego meglio: io in 5 anni non ho avuto mai il desiderio di: ballare con un’altra donna, andare a pranzo con una collega, uscire con gli amici da solo (a meno di 1 addio al celibato), andarmene in vacanza dai miei in Italia da solo se lei non poteva, andarmi a fare un giro in moto da solo…

    quindi non capisco perché la mia donna possa avere il desiderio di ballare con uno sconosciuto…

    po nessuno mi ha risposto alla domanda: perché sulla pista della salsa siete tutte lí a voler essere invitate ed in disco invece cacciate come i cani rabbiosi chiunque vi sia vvicina a meno di 3 metri? 😉

  20. Gandalf: i balli caraibici sono balli di coppia, la discoteca è un’altra cosa.
    Scusa ma puoi andare avanti al’infinito a tentare di spiegarci quello che vuoi dire, commento dopo commento cerchi di aggiustare il tiro per tentare di convincerci che hai ragione tu.
    se solo qui, in questo post, 6 donne e 2 uomini Ti stanno dicendo che, no, non la stai ragionando bene, prova a fermarti e a riflettere su quello che hai affermato…..
    una volta trippi ha scritto che è impossibile non provare simpatia per la tua ex (o qualcosa del genere), scusami, scusami proprio tanto ma per me è lo stesso 🙂

  21. vabè io passavo di qua, è stato già detto tutto da voi, forza ragazze 😀

  22. io mica voglio aver ragione, voi fate come volete ed io faccio come voglio: non credere che mi senta in torto solo perche’ siete 8 contro 1…

    provate compassione per chi volete: intanto ora lei e’ li’ a rosicarsi il fegato nella speranza che io torni, anche perche’ sa che io le voglie di ballare e strusciarmi con un altra non me le faccio venire…

    se i balli caraibici sono di coppia e se la vita in due e’ di coppia allora PER EM bisogna decidere quale coppia sia piu’ importante…

    poi ripeto, fate come volete che io faccio a modo mio 😉

  23. il tuo post dimostra quello che ho sempre pensato: che nei locali di salsa ci si va per trombare, non per ballare. O se si va per ballare, lo si fa solo a fini trombini.

    C’e’ poco da negare.

  24. ed infatti proprio per questo discutevo con la mia ex: io non volevo per i motivi sopra citati + per quanto affermato (GIUSTAMENTE SECONDO ME) da Demons, lei invece diceva che non era vero… peccato che ultimamente ne ho avuto la conferma con i miei occhi: un collega italiano, ragazzetto, 28 anni, carino e che ci sa fare, nel giro di due mesi si sara’ trombato almeno 4 o 5 “io vengo qui solo per ballare” rimorchiate tutte tra LOS ROMANTICOS, IL CATAGENA e LA TENTATION…

    poi vi ricordo che se voi volete ballare la salsa con il primo che capita, a noi poi ci potrebbe scappare il prurito di ballare il tango argentino vero con la prima che capita, ed allora son cazzi… 😉

  25. si vabbè…………continuiamo a fare di tutta l’ erba un fascio, dite pure che tutte le persone che ballano il caraibico lo fanno solo per trombare…….ma riuscire a distinguere la trombata da una semplice passione no?
    E poi, ripeto, il ballo era solo un esempio…….ma, come dici tu gandalf, ognuno è libero di fare ciò che vuole…però non ritagliarsi un angolino tutto proprio all’ interno di un rapporto di coppia è assurdo! perchè vuol dire annullarsi come singolo e darsi un significato solo come parte di una coppia.
    poi…..ad ognuno le proprie scelte e le proprie idee….

  26. oooh adesso che abbiamo capito che comunque il nostro buon gandalf è irremovibile, possiamo serenamente dire che da una parte la discussione è diventata sterile, dall’altra voglio aggiungere una cosa: si è vero che il bravo balerino becca di brutto che lo voglia o no, perchè è stragettonato se in più è anche carino a maggior ragione. E’ vero che è pieno di assatanate in cerca di “pinga”, ma generalizzare così offende persone come me, che il ballo lo sentono come pura passione, come può esserlo per altri la moto, il sub o il bricolage.
    Questo significa sminuire gli interessi altrui e non lo trovo per niente un ragionamento da persona intelligente. Offendono me, MOST, Trippi e un sacco di altre persone che conosco.
    D’altronde è facile disprezzare qualcosa che non si conosce, ancora più facile disprezzare qualcosa di cui si ha una paura fottuta!

  27. chica: parole sante le utime che hai detto….
    Gandalf: all’inizo ero d’accordo sul fatto della parità dei sessi, a poi è tornato il vecchio e caro Gandalf.
    Buon we a tutti.

  28. Boh…
    non comprendo l’accostamento balli caraibici-trombare…

    Ammetto che la sensualità dei movimenti ed il contatto fisico in quei balli siano decisamente affascinanti, ma da qui al tropo-trombo, ne passa.

    Persone che ci provano per fare sesso ne trovi ovunque, anche sul posto di lavoro.
    Mi pare una discussione già fatta (non qui) sulla palestra (anche quella messa come luogo di lussuria).

    Non è dove sei o cosa fai che determina la tua attitudine verso gli altri, è come sei fatto.

    Per quanto mi sarà possibile tenterò di non imporre mai delle rinunce o fare ricatti alla donna che amo, rispettando il suo modo di vivere la nostra storia (che ovviamente non è incompatibile al 100% con il mio, altrimenti ci starei insieme solo per… si insomma… :-p )


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: