Molto rumore per nulla
riti, miti.. liturgie di abbordaggio metropolitano

Un po di CUL….tura e di informazione

Di Simoncello

statuaculo.jpg

Secondo l’enciclopedia : Le chiappe identificano una rotondità adiposa sovrastante il muscolo grande gluteo, che ricopre l’intera regione glutea, costituita dai piani ossei dell’anca e dell’ischio. Il margine superiore è individuato dalla cresta iliaca e quello inferiore è dal solco orizzontale del gluteo. Le due fesse sono separate dal solco intergluteo, in cui è situato l’ano.
I glutei permettono ai primati di sedersi senza il bisogno di poggiare il proprio peso sugli arti, come fanno gli altri mammiferi. (Fonte Wikipedia)

Da alcune ricerche scientifiche

Il nostro fondoschiena sembra svelare, meglio di tante teorie scientifiche, i meccanismi dell’attrazione. Sia per lui che per lei. Uno studio polacco dell’università di Wroclaw sembra voler dire la parola definitiva sulle capacità seduttive di un paio di Belle CHIAPPE.

Non importa se fasciato da sensuali jeans o coperto da pantaloni maschili. A riprova di tutto, i ricercatori polacchi hanno mostrato a 218 volontari di ambo i sessi, le immagini di 7 uomini e 7 donne a cui i “trucchi” del computer aveva donato un surplus extra del 5%, del 10% o del 15%. E hanno chiesto a ciascuno di esprimere i propri giudizi. Lo studio è pubblicato su New Scientist.

«Due belle chiappe, sia per lei che per lui – dicono i ricercatori polacchi – sono sinonimo di buona salute, ed accendono un meccanismo inconscio che spinge a scegliere il possibile partner».

«La rotondità del sedere con la sua forma, dimensione e composizione- spiega alla rivista britannica il professor Boguslaw Pawlowski – sono sinonimo di salute, soprattutto nelle donne. Significa un’alimentazione equilibrata ed attività fisica, entrambi elementi positivi per la fertilità».

6 Risposte to “Un po di CUL….tura e di informazione”

  1. bocca mia taci eh!!! senno parlo troppo…

    di’ la verita’ che e’ una provocazione voluta :-)))

  2. Parla pure se vuoi….ma mi raccomando non essere troppo….
    In parte è una provocazione ed in parte è una continuazione alla mia poesia della scorsa settimana….
    E’ la legge di Archimede!
    Un giorno il povero Archimede si trovò a passeggiare in riva ad un lago, e non sapendo cosa fare sollevò un bel masso e lo butto in acqua, vedendo che la cosa provocava una certa reazione (si sa, le scoperte migliori avvengono a che per caso). Notò infatti che l’oggetto buttato nel lago spostava una massa di acqua pari alla massa di quest’ultimo, capì che :
    ad ogni PROVOCAZIONE c’è una reazione uguale e contraria.

  3. e per che tutta la storia di poesia e provocazione non la conosce?

    io cmq volevo parlare dando delucidazioni sul perche’ un bel sedere possa attizzare, ma forse si, e’ meglio che sto zitto… 😀

  4. Si mio caro Gandalf, soffriamo in silenzio!

    Oggi le donne hanno deciso di ignorarci, piang…piang… Ueee Ueeee voglio la mia mamma….
    Si sono buttate in politica….Hai Hai Hai no Alpitour…
    A proposito dov’è andato Fauchone

  5. Come cantava il buon vecchio vecchioni 9ah ah un altro gioco di parole): VOGLIO UNA DONNA CON LA GONNA etc etc etc

    parole santa dalla prima all’ultima…

    e citerei Vecchioni anche per un’altra sua grandiosa canzone: IL TUO CULO ED IL TUO CUORE:

    La tua intelligenza
    non ha limiti:
    è fuori discussione.
    Io però con quella,
    amore scusami,
    non ci faccio una canzone…
    preferisco
    quel tuo modo unico
    di piangere e sognare,
    ma confesserò
    che non sottovaluto
    di vederti camminare:

    più del portamento
    è quel modo di “sgabbiare”;
    più che l’indumento
    è quel modo di ondeggiare
    lento, lento,lento,lento

    e tu ci sei, e tu mi fai,
    e passano negli occhi tuoi
    paesi lontanissimi
    e un posto per sorriderti;
    guardatela la sua allegria
    di questa grande donna mia,
    lasciatemela vivere
    la gioia del suo culo
    e del suo cuore!

    Qando tu cammini
    sembri un angelo
    d’incerta tradizione;
    quando tu t’inchini
    è insostenibile,
    disumana tentazione;

    ci son notti che
    starei a guardartelo
    per ore ed ore, ed ore
    altre notti che
    vorrei farmi piccolo
    tra le pieghe del tuo cuore

    e guardarci dentro
    per capire il tuo dolore,
    il tuo sentimento,
    quella voglia di sognare:
    dimmi, dimmi, dimmi, dimmi

    che tu ci sei, che tu non vai
    e passano negli occhi tuoi
    malinconie brevissime
    e fuggitivo ridere;
    ragazza mia,
    grande donna mia,
    non farti mai portare via
    la gioia del tuo culo
    e del tuo cuore!

    Cos’avrò fatto mai
    di tanto strano,
    perché tu capitassi
    proprio a me?
    O sono
    di un gran bello io,
    o si era un po’
    distratto Dio
    quel giorno…

    abbracciami
    insegnami
    malinconie brevissime
    e fuggitivo ridere:
    ragazza mia,
    grande donna mia,
    non farti mai portare via
    la gioia del tuo culo
    e del tuo cuore!

  6. …belle bellissime parole ,reali sentimenti… ma in fondo c’e’ e si
    comprende un senso angoscioso di ipocrisia. Il culetto non e’ solo
    il patrimonio ,e che patrimonio,femminile. Rileggi una “ode” eterna
    di Orazio. Non e’ mai stata dimenticata ,ne rispolverata oggi dalla
    “umana genia”.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: