Molto rumore per nulla
riti, miti.. liturgie di abbordaggio metropolitano

14 Risposte to “quella str***a del mio capo”

  1. ..pagherei per un capo come te, e se quelle bocie non ci arrivano credo che fai bene a passare alla fase di attacco in quel che serve.

    qui da me, sono stronzissimi per quel che riguarda ferie/permessi/malattia ecc, ma poi anche se fai una giga cagata anche grave da tanti soldi se ne fregano perchè è troppa fatica.
    praticamente sono stronzi al contrario e si vede il “bel” risultato.

    un capo è giusto secondo me che sia “cattivo” nel senso che cmq deve vigilare e ha certe responsabilità. e deve farsi valere.
    ma anche che dia la possibilità di “stare tranquilli” se si lavora bene,e riconosca le fatiche fatte e gli sbagli fatti.
    e cmq trattare le persone come persone e non come schiavetti.
    questo invoglierebbe anche a lavorare meglio e con + impegni.
    purtroppo tanti si approfittano della posizione di capo per sfogare i loro nervosismi e farsi fighi. senza pensare al compito reale che hanno.
    i ventenni “burloni” al primo impiego li metterei tutti in ginocchio sui ceci a priori 😛

  2. non ti invidio Chica, dalle giovani ti devi guardare perchè sono appunto “giovani” e a volte fai prima a farti il lavoro che a spiegare e controllare quello che fanno loro. Le coetanee invece, spesso si domandano per quale motivo ricopri tu e non loro quel posto. E devi controllare gli angoli prima di superarli..

    La joe: ho provato entrambe le esperienze. Non so cosa sia peggio, lo sprecone quello che usa e getta le risorse umane e logistiche, l’egoista quello che decide cosa debbano fare i sottoposti in base a quello che lui vuole o non vuole fare ai giorni in cui vuole stare a casa e via dicendo, il genitore quello che scambia l’azienda per una succursale di casa propria e confonde i colleghi con i familiari, pretendendo lo stesso rapporto e facendo la crociata a chi non si adegua o non rientra nei canoni del figliol prodigo. Ma ce ne sono tanti altri e chissà magari un pò alla volta!!

  3. oggi e’ difficile anche fare il capo, come tratti tratti i dipendenti non ti ascoltano mai, ed io ne so’ qualcosa..

  4. Sarei curioso di sapere in che modo ti prendono in giro le ventenni, e per quale motivo. Secondo me comunque, se te ne rendi bene conto, dovresti “sputtanarle”, tanto da fargli capire che non devono ricredersi perchè sono ancora delle “bambocce” rispetto a chi hanno difronte 😛

  5. Ciao fabio benvenuto! il discorso prendere per il culo non vuol dire che mi sfottono o mi fanno le faccette quando mi giro, se fosse quello il problema non me lo porrei nemmeno. Il fatto è che quando si entra nel mondo del lavoro non si è più bambocci…
    o no? il lavoro è una cosa seria (ahahah)

  6. testimone della vena pulsante……e di quanto la chica diventi pericolosa quando si altera…..fa ancora + spavento appunto perchè è sempre controllata……

    fabio: welcome!
    sai qual è il problema vero fabio? che i soggetti citati da chica pensano di essere + mature di quello che nn sono e di avere già il mondo in tasca.

  7. Il capo, per definizione, è sempre uno/a stronzo/a. A prescindere da cosa faccia.

    Ora perchè devi farti problemi? Sii stronza!
    Senza pietà! 🙂

  8. fauchone: è quello che le ho detto pure io una volta….heeheh….ma, come si dice…..le acque chete sono le peggiori……………….. ^_^

  9. fauchone: hai ragione, in parte, io ho avuto e ho dei capi che non definirei degli stronzi, altri dei grandissimi figli di buona donna..
    Pytta: grande verità, qutroppo quello che difetta alle nuove leve è un pò di umiltà e la presunzione di non aver niente da imparare…

  10. ..trippi…scusa ma…nessuno, mi sembra nasce con la scienza infusa.
    forse ai giovani bisognerebbe solo metterli un po’ in riga.
    io penso di essere giovane. ho 25 anni.
    ho iniziato ad accostarmi al mondo del lavoro tipo a 15 anni tra lavoretti estivi ecc mentre studiavo.
    se tutti avessero pensato ke facevano prima ad arrangiarsi anzichè spiegarmi il lavoro e controllarmi un po’, sarei stata sempre disoccupata e lo sarei tuttora, oltre che non saprei fare niente di niente.
    però io (e penso quelli come me e + grandi di me quando erano giovani) ero disposta a voler ascoltare x imparare e a portare rispetto e impegnarmi.
    i giovani d’oggi x la maggiorparte sono arroganti e saccenti.
    però a sbrigarsi il lavoro da soli non li si farà mai tirare fuori.

    ecco..qui…è un misto di tutti quei capi che hai detto te messi in insieme.
    ma proprio x questo secondo me fra poco arriverà un bello sfascio e ben gli sta. tiè

  11. joe: beh direi che a venticinque anni non sei più giovane, lavorativamente parlando intendo. visto che i giovani di cui parlo io sono tutti apprendisti e quindi dai 18 ai 24 anni massimo .
    poi ci sono anche i 30enni idioti, i 40enni cerebroprivi e i cinquantenni rincoglioniti. io parlavo della mia personale esperienza e della mia frustrazione per il fatto che vorrei tanto trasmettere la mia professionalita a questi ragazzi ma evidentemente sbaglio, perchè pensano di non averne bisogno.
    Io invece non smetto mai di imparare, da tutti: anche da mio nipote che ha un anno..

  12. Joe: Sono d’accordo nessuno nasce con la scienza infusa e ti dirò di più un buon leader deve non solo condividere le informazioni, ma deve sapere delegare e responsabilizzare! Ho specificato proprio per questo “a volte” perchè
    1) a volte non hanno voglia e affiancare qualcuno o fargli da tutor quando non ha volgia o non gliene può fregare di meno è (a dir poco) una perdita di tempo.
    2)Poi, per fortuna, ci sono le persone che non solo hanno voglia, ma non vedono l’ora di imparare. Li si ricavano delle belle soddisfazioni.
    3 In altri casi invece c’è la volontà c’è l’impegno, lo zelo e l’entusiasmo ma non ci sono le capacità! Nada nisba, è un altro muro di gomma, come nel primo caso! Ma almeno qui non ti viene la rabbia.. magari un pò di frustrazione!! 😉

  13. chica, beh essendo stata una “bamboccia” studentessa, sono al primo lavoro. x di + che non c’entra niente con quel ke ho studiato. mi trovo a farmi insegnere cose da gente 4 o 5 anni + piccola di me. praticamente son la giovinetta di turno.
    ma non scherzavo che vorrei una capa come te. fai bene. braf braf.

    però già….la loro arroganza e saccenza non la riesco proprio a capire.

    boh. strano mondo

  14. LAJOE: grazie 🙂 non è facile, te lo assicuro,soprattutto perchè ho un’indole abbastanza irosa e per me controllare l’impulso è un esercizio davvero stressante, quando dico che mi scoppia la testa o mi brucia lo stomaco o vedo tutto opaco è proprio perchè mi faccio violenza per cercare di stare calma… inutile dire che per me il week end serve a malapena a ricaricarmi.. e..come dico sempre: “meno male che c’è la salsa!!” , mia primaria valvola di sfogo

    buona giornata a tutti!!!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: