Molto rumore per nulla
riti, miti.. liturgie di abbordaggio metropolitano

Ti amo, ti voglio… ti lascio

Come  spiega giustamente chica mala nel suo post noi donne abbiamo un terribile difetto:

non vogliamo accettare la realtà e anzichè accettare la spiegazione più semplice cioè “La verità è che non gli piaci abbastanza”, preferiamo dare retta a bugie inconsistenti o crearci un castello di giustificazioni che prima o poi ci crollerà addosso.

Gli uomini dal canto loro ci incoraggiano perchè:

“sono vigliacchi e preferirebbero affrontare il giudizio universale pur di non darti dispiaceri.” Greg Behrendt,  coautore del libro e… U O M O!

Ecco un piccolo banco di prova tratto dal libro:

  • se non ti chiede di uscire, non gli piaci abbastanza. Perché altrimenti sta tranquilla che lo fa. Per cui se non ti chiede di uscire non abboccare a scuse come “non voglio rischiare di rovinare la nostra amicizia” o “sono davvero impegnato in questo periodo”;
  • se non ti chiama, non gli piaci abbastanza. Gli uomini sanno come funziona il telefono. Non giustificarlo con “ha un sacco di cose per la testa” o “non ama le conversazioni telefoniche”;
  • se non dice che state insieme, non gli piaci abbastanza. E non prendiamoci in giro con “è appena uscito da una relazione importante” o “è spaventato dalla parola fidanzata”;
  • se non fa sesso con te, non gli piaci abbastanza. Se gli piaci non può fare a meno di toccarti;
  • se fa sesso con un’altra, non gli piaci abbastanza. Non esistono scuse per il tradimento. Per cui non perdonarlo dicendo che “è colpa mia, ultimamente sono ingrassata” o “abbiamo esigenze sessuali diverse”;
  • se vuole vederti solo quando è ubriaco, non gli piaci abbastanza. Se gli piaci davvero vorrà stare con te anche quando non ha i sensi annebbiati;
  • se non vuole sposarti, dopo anni di fidanzamento, non gli piaci abbastanza. L’amore vince la fobia dell’impegno, per cui non accettare i “non mi sento pronto”;
  • se ti lascia, non gli piaci abbastanza. Rassegnati, anche se dopo un po’ vuole rimettersi con te e quando non state insieme dice che gli manchi tantissimo;
  • se sparisce, non gli piaci abbastanza. Dopo esserti accertata che non è ricoverato in nessun ospedale della sua città, forse non vale nemmeno la pena di chiedere spiegazioni, tanto la spiegazione è sempre la stessa: non gli piaci abbastanza;
  • se è sposato, non gli piaci abbastanza. Se non si è liberi non è vero amore, anche se sostiene che “mia moglie è una strega” o che “è solo questione di tempo”;
  • se è uno stronzo egoista, un dittatore o un vero e proprio mostro, non gli piaci abbastanza. Se ami qualcuno fai di tutto per renderlo felice;

 trippi

Annunci

3 Risposte to “Ti amo, ti voglio… ti lascio”

  1. CACCHIO!…..OH CACCHIO! (come direbbe peter griffin) … ogni tanto mi capita di pensare, o addirittura di dire alle amiche RAGIONANDO sulla mia “fissa” del momento (che ovviamente non mi caga di striscio): “secondo me questo è un po gay”… non mi passa nemmeno per l’anticamenra del cervello che NON GLI PIACCIO!!

    presuntuosa?? no dai! preferisco vederla così

    😉

  2. AZZ… di solito è la mia frase tipica. ma si riferisce agli uomini di.. lupetta!!??!!

  3. oltretutto di solito mi piacciono persone al di fuori del mondo salsero;

    perche li problemi ad avere appiccicati insetti fastidiosi non ne ho… posso anche fare il bagno nell’autan o mettermi il frontline come i cagnolini

    comunque si… anche io lo direi riferito alla tua amica lupetta
    🙂


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: