Molto rumore per nulla
riti, miti.. liturgie di abbordaggio metropolitano

…a proposito di froci

Leggo una tassonomia del sesso che mi lascia a dir poco perplessa ?? sconcertata?? basita???

0 – esclusivamente eterosessuali
1 – prevalentemente eterosessuali, ma in alcune circostanze con tendenze omosessuali
2 – prevalentemente eterosessuali, ma con una forte componente omosessuale
3 – essenzialmente bisessuali
4 – prevalentemente omosessuali, ma con una forte componente eterosessuale
5 – prevalentemente omosessuali, ma in alcune circostanze con tendenze eterosessuali
6 – esclusivamente omosessuali

[La fig. ripropone la cosidetta “Scala Kinsey”]

secondo gli studi di Kinsey si può passare dal grado 0.. a quelli successivi nell’arco della vita..

lascio perdere la storia personale del sessuologo, chiamato poi doctor sex, considerato tra i padri della rivoluzione sessuale e della stessa sessuologia..

lascio anche da parte la domanda che si pone l’autrice del post, dove si collochi l’amore in questo percorso sessuale..

non mi chiedo neanche quante vite dovrei vivere per evolvermi e a che latitudine per salire lungo la scaletta di Kinsey??

Ma per una mia personale passione per la tassonomia, e per quello che abbiamo detto quiqui e qui… ammetto che potrei evolvermi -alla L word per intenderci- solo per pigrizia!!Perchè per orientarsi nel macrocosmo “uomini”, non hanno ancora inventato un gprs o facente funzioni che permetta di decifrare, capire e interpretare.

Allora qualsiasi bussola ci venga fornita dall’amica, dallo psicologo, dal sessuologo.. beh me la bevo sperando nell’illuminazione!!

Trippi

Annunci

10 Risposte to “…a proposito di froci”

  1. ma infatti gli studi di Kinsey sono superati… personalmente credo che la sessualita’ umana sia molto piu’ complessa e quindi difficile da classificare. pero’ l’idea mi piaceva… tutto qua.

  2. sono d’accordo con te, la sessualità umana secondo me esula da qualsiasi classificazione. Mi piaceva proprio l’idea che qualcuno ci avesse provato e era proprio questo il punto di partenza della riflessione. Il fatto che abbiamo bisogno di categorizzare e inquadrare ogni aspetto della vita umana. Come a dire se ti etichetto ti capisco.. magari fosse così semplice..

  3. forse perche’ abbiamo sempre bisogno di modelli a cui aggrapparci… mah, chissa’.

  4. ti rispondo con una “fiaba” che mi ha spedito via mail chica mala:

    C’era una volta una ragazza che domandò ad un ragazzo se voleva sposarsi con lei.
    Il ragazzo le rispose “NO!”
    Da quel giorno, la ragazza visse felice per sempre, senza lavare, né cucinare, né stirare per nessuno, uscendo con le sue amiche e facendo l’amore con chi voleva, lavorando e spendendo i suoi soldi come voleva.
    ** FINE **

    Il problema è che fin da piccoline, nessuno ci ha mai raccontato questa fiaba.
    Invece ci hanno fottuto ben bene con questo cazzo di principe azzurro!!!

  5. la conosco! e la trovo geniale! 🙂

  6. …certe sere prego tutti gli Orishàs che mi facciano diventare lesbica…
    niente da fare… sono irrimediabilmente etero!
    🙂

  7. Confermo Chica.. soprattutto quando, come ieri sera, vengo colta anche io da un’attacco “MISANDRIA”… e mi diletto a consumarmi la lingua cercando di capire per quale motivo prima di conoscerli sembrano il principe azzurro.. poi non solo cadono da cavallo, ma non paghi, fanno di tutto per disarcionare anche te.. in genere proprio quando, capito il meccanismo, hai iniziato a diverirti sul serio!!

  8. non pensate che con le donne sia più facile, anzi…

  9. Mmm…io credo che non dovremmo proprio chiederci in che categoria stiamo ma vivere la nostra vita con una sola forma di coerenza: quella verso il nostro cuore e verso noi stessi.
    ormai è risaputo che ogni individuo a due componenti, due poli, maschile e femminile, mettersi a far percentuali dell’una o dell’altra porta a perdere l’essenza dell’insieme…è giusto ed è bello così.
    ognuno è ciò che fa e ciò che prova a letto e nella vita affettiva, così come nella vita in generale. Fine.

  10. a jodiefoster: non dubito che sia difficile, siamo siamo esseri “evoluti”, dunque complessi o complicati, fai tu, oltre che EGOISTI! Se fosse facile, d’altra parte, forse non ci prenderemmo neanche gusto!

    a letterab: trovo che categorizzare l’esistente sia naturale oltre che utile. In questo blog tentiamo di renderlo anche divertente! Ma da li a pensare che ci siano solo categorie.. il bello della vità è proprio che si sfugge a qualsiasi tassonomia, perchè ci sono sempre sfumature che la rendono e ci rendono diversi e unici! Siamo solo un gruppo di persone accomunate dalla passione per il ballo e nell’ambiente che frequentiamo ci capita di riconoscere schemi di comportamento standardizzati che si ripetono come avviene in tutti gli altri ambienti e ambiti della vita reale, lo raccontiamo con un pizzico di autoironia! Nessuno di noi spero sia chiaro, intende dare una chiave di lettura univoca o scientifica a quello che ci succede intorno. Grazie per aver partecipato alla discussione spero vorrai farlo ancora!!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: