Molto rumore per nulla
riti, miti.. liturgie di abbordaggio metropolitano

Disperati e non

di Lupetta

Le tecniche di cucco sono infinite, mie care fanciulle.

Sono rimaste indietro quelle che pensano ancora che l’uomo debba corteggiarci portando fiori, aprendoci lo sportello dell’auto o stupirci con regali anche se non si tratta del giorno del nostro compleanno.

Sono cambiati i tempi i maschietti e le tecniche.

Prima di tutto non vale più la regola dello stupire.

SCORDATELO

O no?! Ma no sbaglio… uno mi ha stupito.

Un tipino non molto piacente esteticamente ma con cui mi trovo bene a ballare. Guida bene, è spiritoso durante la danza e mi fa divertire.

Una volta mi ha anche offerto da bere. Noo!

E da li, chiaccherando chiaccherando mi sono ritrovata nel suo negozio perchè interessata ad un loro articolo.

Non nascondo di essere stata attratta di più dalla parola buono sconto che non dall’articolo. Sicuramente non da lui.

Per fare colpo sapete che fa?

Perde circa 1 ora, sana sana, per aiutarmi nella scelta, non calcolando più nessun cliente. Questi come entravano così uscivano.

Carino direte voi!!?

Ma che carino!

Ha aumentato il prezzo per poi farmi emozionare davanti ad un finto sconto vantaggioso che non avrei mai potuto rifiutare.

Un mago un vero Casanova.

Peccato che il pezzo in questione mi piacesse troppo e l’abbia pure acquistato.

Maledetto shopping!

Per non parlare della raffinatezza dello sconto…

Meno male che esistono invece, ancora uomini in grado di stupirci veramente.. o di farci inorridire!?

Poveri uomini, ora devo scagliare una freccia a loro favore, questo solo perchè credo di avere conosciuto un unico vero masochista.

Un tipo alla don’t touch my Breil. Uno duro, cazzuto, uno alla…

paperino

Si perchè sto matto sapete che fa?

Dove lavoro ci occupiamo di bellezza femminile e tra le tante cose che facciamo usiamo una particolare cera per la depilazione.

Lasciamo però da parte la pubblicità.

Chiaccherando con questo ragazzo, mentre si balla, gli dico dove lavoro e lui guarda caso lavora vicino a me e mi promette di venire a trovarmi.

1° non capisco perchè se una canzone dura circa 3’e 1/2, in quel breve tempo uno debba usare tutto l’ossigeno che ha in corpo per conoscere tutto e di più sulla tua vita. Ma invitami dopo a bere qualcosa, oppure fermati poi al mio tavolo così potremo riposare e parlare.

Perchè tutta la mia vita in 3′ e1/2?!

Figurati a letto!… EIACULORIS PRECOCISSIMUS.

2° chi ti ha chiesto di venirmi a trovare? Non pensi che probabilmente mi metteresti a disagio? Che forse dopo quel ballo non vorrò più vederti?

Beh! Il mitico è venuto.

Un giorno me lo trovo li e sapete cosa mi chiede?

Hai 5 minuti di tempo?

Io penso (come qualsiasi altra persona normale) che mi vorrà offrire un caffè.

NO!

Il maschietto mi chiede se posso strappargli i peli dal naso.

Si fanciulle.

Non scherzo. Ha dell’incredibile ma è successo.

Premetto che nel mio lavoro le richieste più assurde sono quasi all’ordine del giorno, ma questa?!

I peli dal naso. Ci pensate?!

Glieli ho tolti.

E vi diro di più, ha sofferto come un cane.

L’avevo sentita di uomini che si fanno tatuare il nome della ragazza, ma che conquistare fossero disposti a tanto non l’avrei mai creduto possibile.

Non so se vi rendete conto?!

La cera al nostro inguine a confronto diventa uno shampoo e piega dal parrucchiere.

I peli dal naso!

Ma io dico, cari uomini, ma chi ve le chiede tante torture?

Ma chi, soprattutto, vi chiede i vostri peli del naso!?

Abbiamo già i nostro problemi con il nostro di pelo.

Noi chiediamo solo un pò di raffinatezza, di educazione, di galanteria, di rose rosse (dalle 13 in su, mai pari), di auto che ci vengono a prendere a lavoro (ogni tanto), che non ci facciate pagare la metà del biglietto del cinema, che offriate sempre voi al ristorante e non facciate finta di aver dimenticato il portafoglio, insomma che vi occupiate di noi.

Non vi prometto che diventeremo le vostre geishe però qualche cornino in meno ve lo garantiamo, qualche uscita in più con i vostri amici (1 ogni 2 mesi) ve la concederemo.

Iniziate a dimostrarvi maschi e non solo DUREX alla fragola vaganti. Do’ coio coio basta che coio.

Siate come i vostri nonni, interessati ed interessanti e sotto le lenzuola delle macchine del sesso. Grazie.

…..Toc Toc maschi…?…

Ci siete?

Advertisements

3 Risposte to “Disperati e non”

  1. cara lupetta,
    anche la mia amica lavora nel campo della bellezza… e per lei… gran chicca:
    consulenza su schiena pelosa con tanto di check up personalizzato.

    però! che classe!!!

  2. […] mai dire mai, visto che la mia amica Lupetta, che lavora nel settore estetico, mi aveva allertata in tempi non sospetti di nuove mode […]

  3. Secondo me voleva solo vendere e farsi strappare i peli del naso..


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: